• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

La minaccia radicale

IL MAROCCO ha votato. In una giornata tranquilla ed esemplare, i sudditi di  re Mohammed VI hanno scelto i loro rappresentanti in parlamento. Ha vinto il  partito islamico riformista ‘Giustizia e sviluppo’, in sigla «Pjd», che si  ispira al modello turco senza pretendere di dominare la società e di  relegare le donne nel ruolo subordinato e oscuro che riservano loro i  musulmani più retrivi.

salva e condividi

Turchia punta dell'Occidente

 L’ASSALTO alle ambasciate dei Paesi «nemici» del regime siriano ormai è un  appuntamento quotidiano. Ieri sono state prese di mira le sedi diplomatiche  del Qatar, degli Emirati Arabi Uniti e del Marocco, «reo» di ospitare il  vertice dei ministri degli esteri della Lega Araba. «Circa un centinaio di  persone - racconta alla France Presse il titolare della legazione di Rabat,  Mohammed Khassasi - ha manifestato davanti all’Ambasciata gettando sassi e

salva e condividi

Letali in Libia i jet tricolori

I PILOTI italiani battono i francesi nei bombardamenti del Paese del  Colonnello. La cortina di mistero calata sulle operazioni in Libia di colpo  si dissolve e ora scopriamo, solo dopo la fine della missione ‘Unified  Protector’, che gli aerei italiani hanno martellato gli obiettivi assegnati  e che li hanno regolarmente centrati. Il ministro della difesa Ignazio La  Russa, in collegamento con i contingenti internazionali di pace dalla sede

salva e condividi

Sul Cnt l'ombra di Gheddafi: "Processeremo i suoi killer". E il governo manda gratis alla Mecca le famiglie dei martiri.

 TRIPOLI. LE FAMIGLIE dei ‘martiri’ della Rivoluzione avranno una ricompensa molto  ambita dai credenti. La ministra libica per gli Affari sociali Hana  al-Ghmati ha annunciato che quest’anno potranno andare in pellegrinaggio  alla Mecca a spese dello Stato. A ogni coppia di genitori saranno anche  versati dai 500 ai 1.000 dollari. I religiosi osservanti potranno così  preparare i bagagli, indifferenti alle tempeste che li circondano. Un

salva e condividi

Gheddafi, tomba segreta nel deserto. Il Cnt: non sarà un luogo di culto. I ribelli chiedono alla Nato di restare un altro mese.

 TRIPOLI. Di NOTTE, furtivamente, tre auto hanno portato i corpi nel deserto. Salem  al-Mohanmdes, un guardiano del mercato tunisino di Misurata, tira un sospiro  di sollievo: «Il nostro lavoro è finito. Il nostro Consiglio militare ha  trasferito Gheddafi in un posto segreto». Mahmoud Hamid, un giovane nipote  del Colonnello, e il capo della sua temutissima Guardia del corpo, Mansur  Daou, sono stati autorizzati a pregare sul cadavere ormai decomposto dopo la

salva e condividi

"Così l'abbiamo catturato". Parlano i carnefici di Gheddafi

 MISURATA. Hanno l’aria di tre bravi ragazzi, lavoratori per nulla truculenti prestati  alla Brigata al-Riran di Misurata, quella che ha catturato il terribile  raìs. Li incontriamo nel pomeriggio. Qualche ora prima le spoglie del  Colonnello, del figlio Mutassim, e del loro ministro della difesa Abu Bakr  Yunus Jaber, sono state offerte di nuovo alla pubblica curiosità in un  magazzino frigorifero, quello della frutta e della verdura del mercato  tunisino.

salva e condividi

"Il corpo di Gheddafi ai familiari". Il Cnt cede all'ira del mondo. Abusi sessuali sul rais ferito e implorante

 Tripoli. IL VOLTO è smunto, pallido, sottolineato da un pizzetto che pare  incongruamente ben curato. Gheddafi sente che la fine si sta avvicinando e  tenta di fermare i suoi carnefici:   «Lo sapete che quello che state facendo  è Haram, un peccato?». I thuwar, i ribelli, sparano raffiche in aria a tutto  spiano e lo irridono: «E tu che cosa ne sai di cosa è un peccato?» .

salva e condividi

Pasagic: la mia Bosnia che tenta di rinascere

Tuzla – “Può sembrare incredibile. Trovare i corpi e identificarli è la fine  della speranza, ma anche l’inizio di nuova vita. La perdita irreparabile resta incisa nel passato e non in una aspettativa che non vuole saperne di spegnersi”. Irfanka Pasagic, 58 anni, superstite di Srebrenica, neuropsichiatra infantile, ritirerà domenica a Pescara il premio 2011 “Laici per il Mediterraneo”.

salva e condividi

Le ultime stragi e i desaparecidos di Gheddafi

TRIPOLI – Un foglio anonimo in un raccoglitore. Fino all’ultimo il regime era convinto di evitare il collasso. Il 19 agosto, alla vigilia dell’assalto finale a Tripoli, la “camera della sicurezza della capitale”, una sezione del ministero della difesa, chiedeva all’impresa Germa 300 container “al più presto” per stiparci gli arrestati.

 

salva e condividi

La storia/ Nell'inferno di Gheddafi. Parla Khaled Abu Harba, ematologo sopravvissuto alle torture nel carcere di Abu Salim

Tripoli. «L’INCUBO SI È AVVICINATO a piccoli passi. Prima un arresto di quattro  giorni. Mi beccarono e mi trovarono addosso 31 mila dinari raccolti per la  gente della montagna berbera ribelle, il Jebel Nafusa. Facevamo le riunioni  nel bar dell’ospedale… C’era un individuo che osservava tutto tenendosi in  disparte. Loro sapevano già che ero stato contattato anche per un trasporto  di armi. Durante un interrogatorio uno sbotta: lascia perdere le medicine e  parlaci del colpo grosso».

salva e condividi
Syndicate content