• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Il commissario per l'Expo 2010: "Così metterò l'Italia dell'eccellenza nella vetrina di Shanghai"

«I lavori per il padiglione italiano all’Expo di Shanghai procedono con estrema rapidità. Sarà pronto in sette mesi e sarà la vetrina dell’Italia migliore». Parola del Commissario Generale del Governo per l’Expo 2010 di Shanghai, il professor Beniamino Quintieri. Che, beninteso, parla di ritmi cinesi, visto che a lavorare a gran ritmo nel cantiere di “palazzo Italia” sono gli operai di un azienda-colosso dell’edilizia cinese con 10mila dipendenti.

salva e condividi

I sogni di una bambina cinese: "Da grande voglio fare il funzionario corrotto"

"Cosa voglio fare da grande? Il funzionario corrotto". Lei ha sei anni. Come si chiama le agenzie italiane non lo riportano e neppure quelle cinesi, trattasi di ultraminorenne. Eppure la piccola Hu, chiamiamola così, in Cina con quella battuta è già diventata una star. L'hanno intervistata il primo giorno di scuola e i tempi delle interviste "di stato", addomesticate, propagandistiche,  evidentemente sta tramontando anche dalle parti del Dragone. 

salva e condividi

Abitanti in rivolta, fabbriche assediate: finalmente anche in Cina è guerra alla smog

Ecco una notizia che fa riflettere e per certi versi anche ben sperare. Migliaia di abitanti di Quanzhou, città del sudest della Cina, hanno organizzato una clamorosa protesta contro una fabbrica inquinante. Non solo: hanno anche preso in ostaggio due dirigenti che sono stati liberati solo in seguito all’intervento della polizia.

salva e condividi

Shanghai cancella gli strafalcioni in "Chinglish". Da noi invece l'"Itanglish" spopola...

Anche sull'inglese ci facciamo battere...dai cinesi. Notizia appena sfornata dalle agenzie: le autorità di Shanghai hanno avviato una campagna per individuare e correggere gli errori di ortografia in inglese che spesso si leggono sui cartelli affissi nei luoghi pubblici. Già perchè l'uso del «Chinglish», un linguaggio ibrido a metà tra l'inglese e il cinese, così come lo Spanglish lo è in America tra inglese e spagnolo, è una delle «attrazioni turistiche» più divertenti e singolari nella New York asiatica.

salva e condividi

L"homo erectus", e l'archeo-business made in China

C’era una volta l’Homo Erectus ed era a Pechino. Correva il 1929 e da quelle partti venne trovato il cranio di colui che diventerà famoso appunto come l’“Uomo di Pechino”, o “Homo erectus”, non più bipede scimmiesco ma uomo. Ebbene il sito del ritrovamento sarà completamente restaurato questo mese, come ha annunciato trionfalmente il governo cinese.

salva e condividi

Shanghai e l'Expo, la grande corsa dell'ex "prostituta d'Oriente

SHANGHAI - “Better city, better life”. E’ così che Shanghai lancia la sua ultima sfida al mondo inventando la megalopoli a misura d’uomo, la megalopoli sostenibile, forse la megalopoli del futuro. Città migliore, vita migliore. In due parole, Expo 2010: un evento che nelle intenzioni del governo cinese dovrà oscurare perfino la grandiosità delle Olimpiadi di Pechino.

 

salva e condividi

Tiananmen, 20 anni dopo è ancora silenzio. La Cina non riesce a passare il guado della Storia

Silenzio. Silenzio come quello che soffocò la Cina dopo quella notte maledetta fra il 3 e il 4 giugno 1989 in piazza Tiananmen. C'erano centinaia di morti davanti ai palazzi del potere di Pechino, nella "Porta della pace celeste", questo significa Tiananmen. Corpi di ragazzi che avevano osato sfidare il regime comunista in nome di un'idea di progresso che non aveva cittadinanza allora e purtroppo non l'ha neppure vent'anni dopo.

salva e condividi

Missili in giardino, il "dottor No" stavolta ha fatto arrabbiare i cinesi

Difficile immaginare chissà quali scenari di strategie geopolitche quando si ha a che fare con personaggi come Kim-Jong-Il,  che di mestiere fa il dittatore nordcoreano, e lo impersona alla perfezione. 

salva e condividi

Arte & business, la Cina scavalca l'Italia nella classifica mondiale

Non solo la Cina ha riscoperto l’arte dopo il black out  della rivoluzione “culturale”. Ora scopre anche il business dell’arte. E in quattro e quattr’otto supera l’Italia nel mercato mondiale della compravendita delle opere d’arte, salendo al quarto posto della classifica.

salva e condividi

Shanghai, Expo a tutta forza. Rivoluzionato anche il "Bund", prima pietra per il padiglione italiano

Quando arrivano le notizie sull'Expo di Shanghai, in programma dalla prossima primavera, un fatto è praticamente certo. Tutto ciò che viene annunciato sarà realizzato nei temnpi previsti. Oppure prima. Quindi, se come scrive lo Shanghai Daily, la città investira’ 733 milioni di dollari per rinnovare entro ottobre il suo storico lungofiume, il Bund, in vista dell’Expo Universale del 2010, potete star certi che a ottobre, se andrete a Shanghai, troverete già il nuovo Bund.

salva e condividi
Syndicate content