• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Da Bologna alla fine del mondo

Pubblicato da Bruna Bianchi Ven, 01/08/2008 - 20:46

Quando si arriva a Ushuaia un cartello annuncia subito che lì finisce il mondo. Sotto ci sono solo i ghiacci della Terra del Fuoco, ultimo lembo dell'Argentina. Mille abitanti vivono nella città più australe del mondo, dove d'estate si raggiungono a malapena i 15 gradi e dove solo la bellezza del paesaggio ripaga da tanta lontananza. Ushuaia però se è una città e non più un luogo ostile che ospitava solo un penitenziario, lo deve a un bolognese, l'imprenditore edile Carlo Borsari, che nel 1948 ha costruito la casa per 650 immigrati italiani. L'hanno chiamata una spedizione titanica, la prima, perfettamente riuscita, con l'intento di costruire una città. Fu il presidente dell'Argentina Juan Peròn a concedere l'appalto per i lavori all'imprenditore bolognese, ambizioso uomo d'affari in un dopoguerra italiano che prometteva onori a chi aveva la capacità di trovare manodopera disposta anche a sacrifici pur di lavorare. Era il secondo decennio dell'emigrazione verso il Sud America, quasi sempre verso la capitale Buenos Aires o la provincia di Cordoba e Santa Fè. Invece Borsari riuscì a portare uomini donne e bambini fin laggiù, vicino ai ghiacci dell'Antartide. Prima toccò agli uomini. La nave "Genova" sbarcò ad Ushuaia il 28 ottobre 1948 con operai e materiali per costruire la nuova città. Si lavorò due anni, col freddo e con la neve, senza luce e in condizioni dure per costruire opere murarie e idrauliche, case e chiesa. La lena venne un po' dall'orgoglio nazionale e un po' dal sapere che nel contratto era previsto il ricongiungimento con le famiglie lasciate in patria. E quando tutto fu pronto da Genova salpò un'altra nave, il 6 settembre 1949. Sulla "Giovanna Costa" c'erano le famiglie dei 650 immigrati del primo scaglione. Molti scelsero di tornare in Italia alla consegna della città e altri restarono o si spostarono a Buenos Aires. Sessant'anni dopo il 40 per cento degli abitanti di Ushuaia ha un cognome italiano e un museo ricorda l'imrpesa del bolognese Borsari che riuscì a costruire una piccola Italia alla fine del mondo.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.