• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Non toccateci Carlà

Pubblicato da Sandrine Aloa Mani Mar, 13/04/2010 - 19:27

  

Leggo molto divertita e tuttavia un po’ sorpresa il  commento della signora  Ciabbatoni sulle vicende della "Première Dame" francese.  Veramente non capisco tutti suoi "rimproveri" ........Le ricordo che, la sig.ra Carla Bruni Sarkozy è italiana di nascita e non fa nient'altro che applicare nel suo paese di adozione quello che è il costume nel suo paese di origine, alla differenza che nel suo paese d'origine spesso i raccomandati non sono all'altezza del loro compito.  E cosi comune in Italia che non fa più notizia.......  Per quello che riguarda il "mio" Presidente le sue moglie hanno sempre ricoperto un ruolo attivo al suo fianco. La sig.ra Cecilla Attias ex Sarkozy(ex-modella anche lei, ma anche nipotina del compositore Isaac Albéniz ) aveva apparentemente scelto l'ombra ma è stato una delle principali artefici della vittoria di Nicolas Sarkozy all'Eliseo senza di lei chissà se ce l'avrebbe fatto.  La informo che la Sig.ra Bruni Sarkozy ha creato delle borse di studio per i ragazzi che vivono nelle zone meno economicamente agiate in Francia (banlieue)per permettere a loro di avere accesso alla cultura e alla moda (vede, il suo passato di modella non gli serve solo a farci fare bella figura durante gli incontri ufficiali) .

 Il "Mio" Presidente dimostra innanzitutto di essere un uomo di grande gusto femminile, tutte donne belle e intelligente e attive. Dimostra di sapere ascoltare e condividere tutto con la sua consorte beh? che c'è di male è quello che dovrebbe fare ogni coppia che si rispetta.Il Presidente in Francia ha lo stesso "ruolo"del  Premier in Italia , il "mio" Presidente dovrebbe dunque essere paragonato al "vostro" Premier......Mi ricordo aver visto qualche mese fà delle foto della moglie del vostro Premier in copertina di un noto quotidiano e di una nota rivista di gossip, io l'ho trovato di cattivo gusto e mi sono stupita che il marito della signora non abbia pubblicamente "difeso" la signora. In Italia si chiama diritto dell'informazione, io lo chiamo rispetto.A questo proposito io sono orgogliosa che in Francia ESISTA una legge sulla Privacy che puntualmente viene applicata. I personaggi pubblici POSSONO vigilare alla loro vita privata e chiedere i danni in caso di violazione di questo diritto.Credo ripensando alla vita della sig.ra Bruni Sarkozy che abbia sbagliato poco quasi nulla nel suo percorso professionale/privato, credo che suo marito faccia bene ad ascoltare.  Veramente sotto sotto piacerebbe anch'a me essere la sua amica, perché non si può dire che con il suo accesso al potere si sia dimenticata gli amici....

Sandrine (Nantes -Francia)

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.