• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

E ora la patata bollente passa a Moratti

Game over. L'ultima ad arrendersi è la Roma, che sostiene la battaglia conto l'Arsenal mettendoci tutta la sofferenza di cui è capace (a cominciare da Totti) e un impegno commovente, tanto da resistere fino ai rigori quando ormai aveva speso anche l'ultima goccia di energia mentale e fisica.Ennesima conferma di un divario, fra il calcio italiano e quello inglese, che è impossibile colmare puntando solo sul carattere o sperando nella benevolenza della sorte. Non a caso la Juve, perso Nedved, ha perso anche le ultime speranze di fare il miracolo con il Chelsea.

salva e condividi

"Soli contro tutti", proprio quello che voleva Mourinho

Missione compiuta. Il popolo interista ha già trasformato la stagione in una crociata ed è pronto a marciare sull'Old Trafford al grido di "soli contro tutti": proprio quello che voleva Mourinho.  L'idea non è nuova. Con questo tipo di strategia Lippi ha vinto un Mondiale in piena Calciopoli.

salva e condividi

Ci sono negri italiani

tratto dal sito www.indiscreto.it 

di Stefano Olivari

salva e condividi

Ora Mourinho trovi anche il coraggio per superare gli interessi di parte

Quando parla di manipolazione dell'informazione, Mourinho dice la verità. E posso capire la veemenza con cui ha affrontato l'argomento oggi in conferenza stampa: lavorare all'Inter dà molti vantaggi, economici e di visibilità, ma sul piano mediatico è una iattura e tocca sempre agli allenatori prendersi responsabilità che invece spetterebbero ad altri. I motivi di tanta debolezza dipendono dal fatto che a Moratti non piace investire su questo tipo di sfida. Per lui, inguaribile romantico, il calcio è ancora poesia.

salva e condividi

Moratti: "Era rigore"

 (ANSA) - ''Per me era rigore''. Massimo Moratti non ha dubbi sull'episodio piu' contestato di domenica.  Non solo era da rigore il fallo commesso su Balotelli ma a Moratti ''e' sembrato incredibile vedere la sicurezza con cui si e' detto il contrario''. Parole chiare, quindi, anche se da parte del presidente nerazzurro non c'e' alcuna voglia di proseguire la polemica: ''Non stiamo li' a discutere, tutto finisce cosi' con uno che dice una cosa e l'altro un'altra''.

salva e condividi

E' ora di scendere dal tetto del mondo e tornare sulla terra

Oggi, prima di salire sul patibolo di Marassi, Galliani ha parlato su una nave. Non era il Titanic, nonostante tutto, ma l'ammiraglia di uno sponsor del Milan. Quindi cos'altro avrebbe potuto dire il vicepresidente vicario rossonero? "Siamo il club più titolato della storia del calcio, un anno e due mesi fa siamo saliti sul tetto del mondo, nessun disastro, la squadra è tranquilla, continuerà a lottare per il terzo posto in campionato che è il nostro obiettivo. E la società non è in vendita".

salva e condividi

Consiglio per gli inglesi: occhio a Inter e Juve

Dunque, tutto rinviato al ritorno e mi sembra già un discreto traguardo: a sentire le previsioni, sembrava che per le italiane in Champions fossero già pronti tre funerali. Invece ce la siamo cavata e non è detto che il secondo round non ci riservi delle belle sorprese.

salva e condividi

Non solo calcio nella sfida fra Italia e Inghilterra

DIECI BUONI MOTIVI PER BATTERE GLI INGLESI

- Perchè mettono i segnali stradali dalla parte sbagliata

- Perchè la ribollita è meglio del porridge

- Perchè gli uomini con il kilt non si depilano

- Perchè la Parker in fondo è solo una penna

- Perchè ve lo immaginate lo humor britannico alla Garbatella? Che amarezza...

- Perchè Fabio Capello è roba nostra

- Perchè Amy Winehouse non si fa di Barolo

- Perchè è inutile avere la Regina se poi Corona ce l'abbiamo noi

salva e condividi

Basta comiche, sono mesi che l'Inter vince e il Milan parla d'altro

Sarebbe bello che un giorno la categoria arbitrale garantisse regole uguali per tutti: compresi Seedorf e Adriano quando segnano un gol aiutandosi con la mano. E nel frattempo sarebbe bello che si cominciasse a punire gli arbitri, quando commettono certi errori, con la stessa inflessibilità con cui loro puniscono gli errori dei giocatori. Ma mi rendo conto che in un Paese dove non esiste la certezza della pena nemmeno per gli stupratori, preoccuparsi della giustizia nel calcio può suonare stonato. Anche perchè questo andazzo, diciamo la verità, fa comodo a molti.

salva e condividi

Le stranezze di Mourinho e gli autogol del Milan

Un uomo solo al comando, sempre lo stesso: Zlatan Ibrahimovic. Per più di un'ora lo svedese gioca a Lecce una partita straordinaria non solo per il gol che apre la strada alla vittoria ma anche per impegno, carattere e soprattutto per la duttilità tattica che gli permette di interpretare alla grande anche copioni diversi dal solito. E' lui l'unico vero uomo-squadra di questo campionato: da solo vale mezza Inter, forse anche tre quarti e non esiste in Italia un altro giocatore che dall'inizio della stagione a oggi sia risultato altrettanto decisivo nella corsa scudetto.

salva e condividi
Syndicate content