• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Conta più Ibrahimovic o Del Piero?

C'era una frase che Sacchi amava ripetere spesso, quando arrivò al Milan, perchè era un pò la sintesi di tutta la sua filosofia calcistica: "Nell'economia del collettivo, per me Lantignotti vale Gullit". Poi però giocava sempre Gullit. Giocava sempre Van Basten. Giocavano sempre Rijkaard e Maldini. Infatti a livello internazionale quel Milan ha vinto tutto. In campionato invece ogni tanto i fuoriclasse dovevano tirare il fiato, infatti la squadra più forte del mondo ha perso almeno quattro scudetti.

salva e condividi

Ibra è il calcio, il resto è cinema

Se qualcuno nutriva ancora dei dubbi, adesso avrà capito come mai Mourinho consideri Ibrahimovic intoccabile: perché è quello che lo fa vincere. Non che si scopra oggi, in questa stagione (così come nelle passate) lo svedese aveva già tolto l'Inter dalle peste in svariate occasioni, ma la partita di Palermo è stata l’esempio più lampante di cosa significhi fare la differenza. Se stasera Ibra fosse stato dall’altra parte, per quello che la squadra di Ballardini aveva prodotto nel primo tempo sarebbe arrivata all’intervallo con almeno due gol di vantaggio.

salva e condividi

Petrucci: "Calcio più pulito"

Roma (Adnkronos) - «Penso che il mondo del calcio si sia ripulito, peraltro la Federazione sta facendo buone cose, è sotto l'occhio di tutti. Il campionato che è partito ha aumentato gli spettatori e il fatto stesso che la gente ritorna sugli spalti vuol dire che pensa che il calcio sia pulito».

salva e condividi

Mourinho? Che si arrangi

A volte un silenzio vale più di mille parole. Nel caso di Moratti poi, trattandosi di cosa rara, vale ancora di più. Quello che pensa sui rapporti fra Mourinho e i giornalisti, il presidente lo aveva già fatto capire domenica arrivando a San Siro: "Non credo che ci siano attacchi nei suoi confronti, casomai una grande attesa. E comunque Mourinho è un tipo che si amplifica da solo". La bufera scoppiata qualche ora dopo in tv non gli ha certo fatto cambiare idea, anzi. Come dimostra il fatto che stavolta, a differenza di altre, Moratti ha deciso di non muovere un dito.

salva e condividi

Se non dovesse giocare a calcio, l'Inter di Mourinho sarebbe perfetta

Speriamo che Moratti ci conservi a lungo Mourinho. Grazie a lui  l'Inter è ancora la squadra più entusiasmante d'Italia, e non escludo che presto possa diventarlo anche in Europa. Anzi, diciamola tutta: se non dovesse giocare a calcio, l'Inter di Mourinho sarebbe perfetta.

salva e condividi

Mourinho e l'ossessione di Mancini

Quando Mourinho chiede tempo ha perfettamente ragione. Per due motivi. 1) non esiste che si possa realizzare un progetto serio in 4 mesi. 2) non poteva esistere che lui fosse l'unico a riuscirci, nonostante l'aureola di onnipotenza con cui si è presentato in Italia. Ma non credo che il suo vero problema all'Inter sia questo: volente o nolente, Moratti dopo le scelte che ha fatto è obbligato a concedergli tutto il tempo necessario.

salva e condividi

La vittoria di Ronaldinho e l'umiltà di Ancelotti

Uno a zero per Ronaldinho. Non ho difficoltà ad ammettere che il giorno del suo arrivo anch'io, insieme a tanti altri, ero molto scettica. Con due grossi dubbi: 1) che potesse tornare il numero uno al mondo; 2) che potesse davvero servire al Milan.

Il primo dubbio, per quanto mi riguarda, è sempre attuale. A parte il derby, le sfide su cui ha inciso finora non mi sembrano di spessore tale da considerare il brasiliano ai livelli di qualche anno fa. Per quello bisognerà aspettare che ritrovi, eventualmente, una buona condizione fisica e avversarie più attendibili.

salva e condividi

Mancini: "Se tornassi indietro rifarei tutto"

Roberto Mancini si racconta su "Max" di novembre, in edicola questa settimana. Per questioni di lunghezza vi propongo solo alcuni stralci, fra i più significativi, dell'articolo.

SENZA CALCIO -  "“All’inizio è stato uno choc, lo confesso. Forse per la tensione che avevo accumulato, forse per la rabbia e la delusione dell’esonero, ma non riuscivo ad accettare l’idea di ritrovarmi all’improvviso fuori dal mio mondo, dopo una vita. Poi un poco alla volta mi sono ripreso, si vede che ogni tanto rilassarsi fa bene”.

salva e condividi

Per fortuna dell'Inter i traditori sanno ancora fare la cosa più importante: i gol

Può darsi che i traditori, come li chiama Mourinho, debbano fare molta strada per rinconquistare la sua fiducia. Ma di strada deve farne parecchia anche il portoghese, a meno che non abbia scambiato la Champions League per un torneo fra scapoli e ammogliati: in quel caso magari riesce a incantare l'Europa anche  con partite come quella di stasera. Nel frattempo, a Cipro salva la faccia grazie a Balotelli e Cruz. Proprio due di quelli che, a sentir lui, non sono ancora all'altezza del suo progetto tattico.

salva e condividi

Ma il derby vero si giocherà in campo o fuori?

Dopo quattro mesi da protagonista per i colpi ad effetto sul mercato, il Milan torna al vertice del campionato e raggiunge il suo secondo obiettivo stagionale: trasformare in un percorso a ostacoli quella che a rigor di logica doveva essere la passeggiata dell'Inter verso lo scudetto. Ritrorvarselo addosso è la cosa più fastidiosa, anzi più antipatica per usare le sue parole, che poteva capitare a Moratti. Non per  i valori e il gioco espressi finora in campo: in assoluto l'Inter resta la squadra più forte delle due. E nemmeno per i regali arbitrali.

salva e condividi
Syndicate content