• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Miss Italia fuori tempo e fuori luogo

Pubblicato da Laura Alari Mar, 20/09/2011 - 11:36

Cala il sipario su Miss Italia. Da oggi la carovana si scioglie, la lotta occupazionale dell’AnsaldoBreda retrocede dietro le quinte, gli extracomunitari si riappropriano della zona franca intorno allo Specchiasol dove a riflettori spenti ci si può accoltellare indisturbati, gli alberghi ripongono l’argenteria e le bandiere, il sindaco Bellandi torna nel suo ufficio pieno di grane calpestando Frizzi e la Mirigliani lungo la Walk of Fame di casa sua. E chissà se tornando indietro quest’uomo coraggioso e sensibile rifarebbe tutto, o se invece adesso vorrebbe manifestare profonda solidarietà al collega di Salsomaggiore che scaricando il circo della bellezza dopo 41 anni si è espresso con queste simpatiche parole: “Una palla al piede, finalmente ce ne siamo liberati”.Di sicuro il Bellandi, che è un vero signore, non arriverebbe mai a tanto. E in ogni caso il ruolo gli impone di difendere a spada tratta le proprie  scelte, peraltro non condivise dalla maggioranza dei suoi cittadini e neppure da una parte del suo governo. Ma dietro la facciata le crepe si moltiplicano e dopo il flop televisivo dell’evento, con relativo sfogo della Mirigliani, prende sempre più corpo il sospetto che di Miss Italia si potesse fare tranquillamente a meno.Certo, il debutto a Montecatini è arrivato nel momento peggiore che si potesse immaginare. Stretto fra una crisi economica che costringe anche la Rai a limitare i costi abbassando la qualità dello spettacolo, e la convinzione ormai assodata degli italiani che esibire il proprio corpo equivalga a metterlo in vendita. Quanto alla promozione del territorio, intanto sarebbe bello che qualcuno guardasse la tv così i reportage anche ben fatti mandati in onda nelle due serate avrebbero un senso compiuto. E poi bisogna distinguere. Parlando di rilancio dell’economia, eventi come questo o come il Mondiale di ciclismo producono sicuramente ricadute positive ma limitate nel tempo e alle zone interessate. Parlando di rilancio dell’immagine, invece, meglio lasciar perdere. Se c’è un luogo in Italia che straripa di bellezze è proprio la Toscana. E a confronto con la nostra terra qualunque miss rischia di sentirsi non solo fuori tempo, ma anche fuori luogo. 

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.